Progetto Coaching

Come esercitare la quiete della mente

Con ordine, affronta il disordine; con calma, l’irruenza. Questo significa avere il controllo del cuore. (Sun Tzu)

Hai la sensazione di vivere in affanno il tuo tempo?

Hai dei pensieri ricorrenti che generano ansia?

La capacità di richiamare la quiete mentale quando necessario è una grande risorsa e competenza da allenare se non presente. Ci consente di recuperare vitalità, energia, consapevolezza decisionale.

Ognuno ha la propria personale modalità di distacco, ma il distacco è diverso dal concetto di quiete mentale, il distacco è diverso dalla centratura. Quando sono centrato sono in grado di dare il meglio di me.

È possibile ottenere questa condizione corporea attraverso diversi esercizi tra cui gli esercizi di pratica dell’attenzione del respiro in posizione statica o in movimento.

Attraverso questi esercizi spostiamo l’attenzione dal mondo esterno al nostro mondo interno, e nella pratica costante iniziamo a riconoscere gli spazi di silenzio tra un pensiero e il successivo, iniziamo a riconoscere le tensioni del corpo dove sono localizzate e a lasciarle andare, recuperiamo la percezione dei segnali che il corpo manda per informarci di uno squilibrio consentendoci di ricercare il nuovo potenziante equilibrio.

Quando sono centrato

perseguo l’attenzione selettiva, la vitalità, l’espressione energetica e la chiarezza delle immagini,

come l’acqua calma che mi consente di vedere il fondo.

 

Ultimi post
Blog Updates